Benvenuti,
diceva la stilista di Maria Antonietta che non esiste niente di nuovo, tranne quello che stato dimenticato. La cerbottana non fa eccezione; gioco di cortile, di giardino, di piazza, di ringhiera che ha scatenato battaglie appassionanti, a volte furibonde, stato per oltre quarant'anni sulla cresta dell'onda, poi, piano piano stato soppiantato da tutta una serie di alternative ludiche, a volte valide, a volte estremamente discutibili. Oggi, un gruppo di appassionati, ripropone questo divertimento che ha il potere magnetico di attirare grandi e piccoli, maschi e femmine, con i gesti precisi e rapidi di chi costruisce un "bussolotto" ed poi il magico maestro del lancio, con il cono di carta che sibila nell'aria, preciso e lontano.


"Fai vita sana, gioca a cerbottana" (Confucio)


Torna alla casetta(HOME)